Esistono rari casi in cui la varice, appena agganciata, si lascia asportare insieme al suo letto fìbroadiposo. 

La parete della vena appoggiata sulla punta del crochet è tirata all'esterno attraverso la piccola incisione e fermata con la pinza Mosquito. La leggera trazione permette così alla varice in situ di divenire un cordone teso, ben palpabile, che sarà delicatamente scollato per mezzo dell'uncino introdotto nell‘incisione successiva. La vena scollata e preparata si lascia così asportare più facilmente. 

Ci sono casi difficili in cui lo scollamento può essere complesso ed altri molto difficili in cui la varice è fragilissima o contornata da una 

guaina resistente ed aderente. 

In tali situazioni la vena si lacera con facilità, la progressione è lenta, millimetrica e complicata, cosicché i buoni risultati non si avranno con la forza e la velocità, ma con la pazienza, la meticolosità e senza risparmio di tempo